Archivi categoria: Zootecnia

SETTORE ZOOTECNICO – sostegno regionale per polizze assicurative anno 2016

Con riferimento alla Legge Regione del 29 dicembre 2015, n. 28, articolo 19, la Regione Piemonte ha pubblicato le disposizioni applicative per il sostegno finanziario a favore di polizze in campo zootecnico per l’anno 2016.

BENEFICIARI:

  • microimprese e PMI (anche per tramite dei consorzi di difesa D.lgs n. 102/2004) attive nella produzione agricola primaria ed operanti in Piemonte, titolari di allevamento (in qualità di proprietari o per altro titolo)
  • imprese che occupano meno di 250 persone, il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di euro e/o titolare di bilancio annuo che non supera i 43 milioni di euro.

POLIZZE AMMESSE:

  1. polizza per spese di smaltimento dei capi morti in allevamento per qualunque causa;
  2. polizza per le spese di smaltimento dei capi morti in allevamento per mortalità ordinaria.

INTENSITA’ DI AIUTO:

  • 50% per la parte di premio assicurativo relativa ai costi di rimozione dei capi morti;
  • 25% per la parte di premio assicurativo relativa ai costi di distruzione.

SCADENZA:

Verrà stabilita  con successivi atti della Direzione Agricoltura.

PSR 2014-2020 CONTRIBUTI PER COSTITUZIONE DI GRUPPI OPERATIVI E PROGETTI DI INNOVAZIONE

La Regione Piemonte nell’ambito del PSR 2014-2020 prevede di pubblicare a breve un bando che finanzierà prima la costituzione e poi l’operatività di Gruppi Operativi nell’ambito dell’operazione 16.1.1

BENEFICIARI:

Gruppi Operativi – GO che comprendano gli attori dell’innovazione (agricoltori, ricercatori, consulenti, imprese, gruppi ambientalisti, associazioni di consumatori, ONG ecc.)

  • costituiti da almeno due soggetti,
  • con presenza di aziende agricole o forestali

Le tipologie di partenariato sono libere  sulla base delle esigenze specifiche del gruppo e delle competenze necessarie.

INTERVENTI FINANZIATI:

  1. costituzione del GO (descrizione dell’idea progettuale, operatori, partenariato da redigere i 2-4 mesi dal bando)
  2. operatività del GO (progetti da attuare in 5 anni)

La costituzione del GO è una precondizione per poter finanziare l’operatività e le azioni dei piani operativi relativi ad uno specifico progetto di innovazione di processo/organizzativa/sociale che risolvano problematiche e costituiscano opportunità per le imprese  coinvolte.

CONTRIBUTO:

  • spese di costituzione del GO: massimo 15.000 euro somma forfettaria
  • spese per l’operatività del GO (progetti): massimo 875.000 euro (Contributo pari all’85% della spesa ammessa, mentre per focus area ambientali 4A,4B,4C,5A,5C,5D,5E contributo pari al 100% della spesa ammessa)

SI SOTTOLINEA:

i gruppi operativi hanno valenza europea (nell’ambito del canale PEI- AGRI – Partenariato Europeo per l’Innovazione. Canale per accedere a finanziamenti europei dedicati.

SCADENZA: pubblicazione prevista a fine giugno- luglio 2016

 

SETTORE CUNICOLO – CONTRIBUTI REGIONALI PER PREVENZIONE MIXOMATOSI

Pubblicata oggi deliberazione regionale relativa ad integrazioni alla D.G.R. n. 24-1473 del 25.05.2015DGR n.48-4872 del 31.10.2012 Iniziative di monitoraggio e supporto del settore cunicolo per la prevenzione della mixomatosi in Piemonte. Rimodulazione”.

Integrazioni:

• gli allevatori che intendono aderire al prolungamento del programma di supporto oggetto della DGR n.48-4872 del 31.10.2012, dovranno dichiarare, con la specifica domanda da inoltrare alla Regione Piemonte, Direzione Agricoltura, di non aver goduto di aiuti economici per attività analoghe (divieto di cumulo degli aiuti), di non essere titolari di imprese in difficoltà e tra quelle oggetto di recupero delle risorse a seguito di erogazione illegittima. • il contributo regionale all’acquisto delle dosi vaccinali e la relativa quota a carico dell’allevatore sono relative al prezzo del farmaco IVA esclusa

Precisazioni:

  • la distribuzione delle dosi vaccinali contro la mixomatosi proseguirà fino alla data del 30 aprile 2016, secondo il programma approvato con D.G.R. n. 48-4872 del 31.10.2012 “Iniziativa di monitoraggio e supporto del settore cunicolo per la prevenzione della mixomatosi in Piemonte”, così come rimodulato dalla D.G.R. n. 24-1473 del 25.05.2015;
  • saranno ammessi, a seguito di specifica domanda di adesione alla suddetta iniziativa, gli allevatori compresi nell’elenco approvato con Determinazione del Dirigente del Settore produzioni agrarie e zootecniche n. 728 del 9 agosto 2013, successivamente integrato dalle determinazioni dirigenziali n. 990 del 7 novembre 2013 e n.1017 del 24 novembre 2014.

Credito d’imposta per reti d’imprese – modalità di presentazione delle domande

Pubblicata la Circolare del MIPAAF con il dettaglio delle modalità  di presentazione delle domande per l’attribuzione del credito d’imposta per incentivazione nuove reti di imprese ovvero lo svolgimento di nuove attività da parte di reti di imprese già esistenti (art.4, comma 1 D.M. 13/01/2015, n. 272)

SCADENZA: invio domande a partire dal 13 gennaio 2016

BENEFICIARI:

Singole imprese, anche se costituite in forma cooperativa o riunite in consorzi, aderenti ad un contratto di rete già costituito al momento della presentazione della domanda, titolari di reddito di impresa o di reddito agrario: a) che producono prodotti agricoli, della pesca e dell’acquacoltura di cui all’Allegato I del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea; b) che siano piccole e medie imprese, come definite dal Regolamento (UE) n. 651/2014, che producono prodotti agroalimentari, della pesca e dell’acquacoltura non ricompresi nell’allegato Allegato I. 2 del trattato CEE. Le aggregazioni devono essere formate, pena l’inammissibilità, da più imprese fra loro indipendenti.

COSTI AGEVOLABILI:

Agevolabili spese per nuovi investimenti, compresi in un programma comune di rete, per lo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie, nonché per la cooperazione di filiera:

  1. costi per attività di consulenza e assistenza tecnico-specialistica prestate da soggetti esterni all’aggregazione in rete, per la costituzione della rete, per la redazione del programma di rete e sviluppo del progetto;
  2. costi in attivi materiali per la costruzione, acquisizione o miglioramento di beni immobili e per l’acquisto di materiali e attrezzature;
  3. costi per tecnologie e strumentazioni hardware e software funzionali al progetto di aggregazione in rete;
  4. costi di ricerca e sperimentazione;
  5. costi per l’acquisizione di brevetti, licenze, diritti d’autore e marchi commerciali;
  6. costi per la formazione dei titolari d’azienda e del personale dipendente impiegato nelle attività di progetto;
  7. costi per la promozione sul territorio nazionale e sui mercati internazionali dei prodotti della filiera;
  8. costi per la comunicazione e la pubblicità riferiti alle attività della rete.

PERIODI DI IMPOSTA AGEVOLABILI:

L’agevolazione è concessa esclusivamente nei limiti del «de minimis», alle condizioni stabilite dai Regolamenti (UE) n. 1407/2013, n. 1408/2013 e n. 717/2014.

Sono ammissibili all’agevolazione i nuovi investimenti realizzati, dopo l’entrata in vigore del decreto, a decorrere dal periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2014 e nei due successivi.

ENTITA’ DEL CREDITO:

40 % e dell’importo degli investimenti realizzati in ciascuno dei periodi di imposta agevolabili, con limiti di spesa differenti a seconda dei beneficiari.

ALLEVAMENTO BOVINI – opuscolo INAIL

L’INAIL  ha divulgato un opuscolo dedicato all’allevamento bovini.

Tra i principali argomenti contenuti nell’opuscolo:
– gestione tori;
– allevamento in stabulazione libera di bovini da carne o da latte;
– lavorazione e rischi;
– caratteristiche degli ambienti di lavoro;
– principali misure strutturali di prevenzione;
– principali misure procedurali di prevenzione;
– DPI.

Contributo polizze CO.SM.AN 2015

La Regione Piemonte ha pubblicato un bando per contributi da erogare ad aziende aderenti al CO.SM.AN per polizze assicurative finalizzate alla copertura dei costi di mortalità dei capi (L.R. 24/2014, D.lgs 102/2004,  D.G.R. n.623  del 2/10/2015)

BENEFICIARI:

Aderenti al CO.SM.AN alla data del 31 dicembre 2014

  • singole aziende zootecniche
  • organismi di difesa delle produzioni agricole ai sensi del D.lgs 29 marzo 2004 n. 102

 INTERVENTI AMMESSI:

Agevolazione su polizze stipulate nel corso dell’anno 2015 che scadono entro il 31/12/2015

  • polizza per spese di smaltimento dei capi morti in allevamento per qualunque causa
  • polizza per le spese di smaltimento dei capi morti in allevamento per mortalità ordinaria
  • polizza per le spese di smaltimento dei capi morti in allevamento per epizoozia, calamità naturale, avversità atmosferiche assimilabili alle calamità naturali, attacchi predatori e recuperi in montagna con mezzi aerei speciali (ad adesione individuale o collettiva);
  • polizza per i danni conseguenti alla morte o abbattimento dei capi in alpeggio per calamità naturale, avversità atmosferiche assimilabili alle calamità naturali ed avversità atmosferiche, non finanziabile dal Piano Assicurativo Nazionale (senza soglia di danno).

 CONTRIBUTO: 30.000 euro massimo percepibile da ciascun beneficiario da applicarsi in dodicesimi in funzione della durata della polizza. In caso in cui il totale del contributo regionale complessivo richiesto da tutte le domande ammesse superi l’importo disponibile di 2.000.000,00 di euro si procederà ad una riduzione percentuale su ogni singola domanda corrispondente alla percentuale eccedente sul totale.