Archivi categoria: Foreste

Contributi per riqualificare e valorizzare i sistemi boschivi a fini turistici, ricreativi e culturali – Regione Piemonte

La Regione Piemonte nell’ambito del PSR 2014-2020 ha pubblicato il bando Operazione 8.5.1 – investimenti per accrescere resilienza e pregio ambientale degli ecosistemi forestali.

BENEFICIARI:

Proprietari e/o gestori di foreste private e/o pubbliche, singoli o associati. Per “gestori” si intendono persone fisiche o soggetti di qualunque forma giuridica, che abbiano la completa disponibilità delle superfici inserite in domanda (compresi glia affittuari e altri soggetti che abbiano titolarità giuridica ad assumere impegni).

INTERVENTI AMMESSI A CONTRIBUTO:

  • diversificazione strutturale e specifica dei popolamenti forestali, per favorire le naturali dinamiche evolutive in atto e la tutela delle specie rare e meno rappresentate e l’azione di tecniche di intervento rispettose dell’ambiente e del suolo;
  • riqualificazione e miglioramento di ecosistemi boschivi e di ecosistemi ad essi collegati (prati, pascoli, ambienti umidi, ambienti ospitanti specie particolari, ecc.) per la conservazione ed il miglioramento di habitat di pregio ambientale o di interesse paesaggistico;
  • valorizzazione delle superfici forestali in termini di pubblica utilità a fini ricreativi, turistici, didattici e culturali favorendo l’accessibilità delle superfici, l’orientamento, la conoscenza, l’osservazione e la permanenza nelle stesse da parte del pubblico

Ricostruzione di aree aperte all’interno dei boschi al fine di aumentare la variabilità spaziale e la biodiversità, creazione di infrastrutture; percorsi e itinerari guidati da percorrere a piedi, cavallo, bicicletta, miglioramento della percorribilità, realizzazione di nuove tratte di collegamento tra più itinerari, l’apposizione della segnaletica direzionale e di continuità, il ripristino delle relative pertinenze con muretti di contenimento, canalette per raccolta acque; realizzazione di punti informativi e descrittivi, identificazione di aree di sosta mirate all’osservazione degli ecosistemi forestali, viste e punti panoramici, apertura o ripulitura del tracciato o delle piazzole, sistemazione del fondo, ripristino o regolarizzazione delle scarpate, realizzazione di attraversamenti e strutture di protezione o loro ripristino, arredi, segnaletica, taglio o interventi fitosanitari.

SPESE AMMISSIBILI:

  • acquisto di terreni boscati per un importo pari o inferiore al 10% della spesa totale ammissibile
  • interventi selvicolturali a macchiatico negativo
  • costruzione, acquisizione, incluso il leasing, o miglioramento di beni immobili strettamente funzionali alla realizzazione degli interventi
  • spese per investimenti materiali in opere di sistemazione idraulico-forestali e ingegneria naturalistica, di ricostruzione di aree aperte all’interno dei boschi e di valorizzazione in termini di pubblica utilità
  • adozione di tecniche di lavorazione ed eventuale esbosco rispettose dell’ambiente e del suolo
  • spese di progettazione, consulenza tecnica e direzione lavori (10% per interventi fino a 50.000 euro, 8 % per interventi da 50.001 a 100.000 euro, 6% per interventi da 100.001 a 150.000 euro, 4% per interventi da 150.001 a 350.000 euro)
  • investimenti che interessano una superficie minima di 10 ha per domanda e una superficie massima di 100 ha, nel caso di interventi da eseguire su più corpi ciascuno deve avere una superficie minima di 3 ha se in montagna e 1,5 ha se in collina o pianura

CONTRIBUTO: 100% della spesa ammissibile

limite massimo di contributo: 350.000 euro, dotazione complessiva: 1.880.000 euro

LIMITI DI SPESA: importo minimo della spesa 50.000 euro

TEMPI DEL BANDO:

  • Presentazione domanda di contributo entro le ore 12.00 del 04 Febbraio 2020
  • Termine per la realizzazione degli interventi 12/04/2022

Contributi per prevenzione danni arrecati a foreste da incendi, calamita’ naturali ed eventi catastrofici – Regione Piemonte

Nell’ambito del PSR 2014-2020 la Regione Piemonte ha pubblicato il bando Operazione 8.3.1 – Prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici.

BENEFICIARI:

Proprietari e/o gestori di foreste private e/o pubbliche, singoli o associati. Per “gestori” si intendono persone fisiche o soggetti di qualunque forma giuridica, che abbiano la completa disponibilità delle superfici inserite in domanda (compresi glia affittuari e altri soggetti che abbiano titolarità giuridica ad assumere impegni).

INTERVENTI AMMESSI A CONTRIBUTO:

Interventi di prevenzione e mitigazione degli eventuali danni che possono essere causati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici finalizzandoli al miglioramento della stabilità ecologica di boschi e relativi versanti.

  • interventi di prevenzione degli incendi (interventi selvicolturali collegati alla prevenzione del rischio incendio; realizzazione, adeguamento e manutenzione di piste tagliafuoco, interventi di protezione: punti acqua, piazzole, ecc)
  • interventi di prevenzione del rischio idrogeologico (interventi selvicolturali collegati alla prevenzione del rischio idrogeologico es. gestione della vegetazione lungo il reticolo idrografico, prevenzione frane o smottamenti tramite gestione selvicolturale, ecc; opere di sistemazione idraulico-forestale, captazione e deflusso delle acque meteoriche e superficiali: briglie, canalizzazioni, drenaggio delle acque; sistemazione di versanti e scarpate in fase di erosione tramite tecniche di ingegneria naturalistica (gabbionature, grate vive, palificate semplici e doppi, ecc)
  • interventi protettivi contro valanghe, lave torrentizie e caduta massi (interventi selvicolturali in grado di aumentare la funzione protettiva del bosco contro le valanghe, le lave torrentizie e la caduta massi; cavalletti, interventi di ingegneria naturalistica)
  • spese generali e tecniche collegate alle spese dei punti precedenti.

CONTRIBUTO:

  • 100% della spesa ammissibile limite massimo di contributo: 250.000 euro, dotazione complessiva: 3.250.000 euro

LIMITI DI SPESA:

  • importo minimo di spesa 50.000 euro
  • esclusivamente in caso di interventi selvicolturali di prevenzione da incendi boschivi la spesa minima per ogni domanda di sostegno è 25.000 euro

SPESE AMMISSIBILI:

  • spese per interventi selvicolturali a macchiatico negativo per una sup. minima di 3 ha accorpato e massimo 30 ha (limiti per domanda). In caso di interventi su più corpi ciascuno deve avere sup. minima di 3 ha. Solo per interventi di prevenzione da incendi sup. minima 1 ha accorpata, ciascuna domanda dovrà  prevedere una sup. di almeno 5 ha eventualmente suddivisi in corpi di almeno 1 ha accorpati
  • spese per investimenti materiali in opere di sistemazione idraulico-forestali e ingegneria naturalistica
  • spese relative ad acquisto di terreni boscati per un importo pari o inferiore al 10% della spesa totale ammissibile
  • spese di progettazione, consulenza tecnica e direzione lavori (10% per interventi fino a 50.000 euro, 8 % per interventi da 50.001 a 100.000 euro, 6% per interventi da 100.001 a 150.000 euro, 4% per interventi da 150.001 a 250.000 euro)

TEMPI DEL BANDO:

  • presentazione domanda di contributo entro le ore 12.00 del 04 Febbraio 2020
  • termine per la realizzazione degli interventi 12/04/2022

Pubblicato bando PSR mis 8.6.1 – settore forestale. Acquisto macchinari ed attrezzature.

La Regione Piemonte ha pubblicato il bando PSR operazione 8.6.1 ” Investimenti per incrementare il potenziale economico delle foreste e dei prodotti forestali”

BENEFICIARI:

Micro, piccole e medie imprese (PMI), singole o associate, che operano nel settore forestale. Esclusi enti pubblici e loro associazioni.

CONTRIBUTO:

Contributo in conto capitale sulle spese ammissibili del 40%

  • Spesa minima: 50.000 euro
  • Spesa massima ammissibile: 800.000 euro, è ammessa una spesa superiore a condizione che il beneficiario si faccia carico della quota eccedente

CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA’:

  • almeno una sede secondaria e sedi operative stabili sul territorio piemontese;
  • iscrizione all’albo delle imprese forestali del piemonte;
  • investimenti limitati alle lavorazioni precedenti la trasformazione industriale;
  • lavorazione di volumi di legname tondo al di sotto di 10.000 mc/anno, calcolato sulla media degli ultimi 3 anni per legname abbattuto in proprio, acquistato e lavorato per conto terzi;
  • rapporto tra spesa totale dell’investimento oggetto della domanda e media del fatturato anni 2015-2016-2017 uguale o inferiore a 7 (non vale per le imprese al primo anno di vita).

INVESTIMENTI AMMESSI A CONTRIBUTO:

Acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature idonee alla lavorazione, produzione e prima trasformazione dei prodotti legnosi

  • Macchinari e attrezzature per il taglio e/o allestimento del legname (harvester, processori, teste abbattitrici, teste per processori, trinciatrici forestali, frese forestali, cesoie forestali, pinze forestali);
  • Macchinari e attrezzature per il trasporto ed esbosco del legname (verricelli forestali, canalette, rimorchi forestali, teleferiche forestali – skidder, forwarder, trattori allestiti a uso forestale, bracci caricatori forestali, escavatori senza attrezzatura da scavo);
  • Macchinari connessi al trattamento e alla trasformazione della biomassa forestale ad uso energetico (cippatrici portate e semoventi, pellettatrici, essiccatoi alimentati solo da fonti rinnovabili e legna, impianti mobili per produzione di travi e tavole, sega legna, spacca legna, puntapali);
  • spese per onorari di progettisti max 2% per investimenti fino a 200.000 euro
  • spese bancarie e legali, spese per consulenza tecnica e finanziaria
  • spese per informazione e pubblicità come indicato da bando
  • spese preliminari per la certificazione di Gestione Forestale Sostenibile e di rilascio della certificazione.

SPESE NON AMMESSE:

  • interventi su fabbricati ed infrastrutture logistiche;
  • acquisto o acquisizione di macchine e/o attrezzature per la realizzazione del prodotto finito;
  • acquisto di macchinari e attrezzature usate;
  • acquisto e istallazione di centrali elettriche, termiche e caldaie;
  • acquisto di beni di consumo (DPI, motoseghe, attrezzi manuali, decespugliatori spalleggiati, ganci, catene, choker, carrucole, ecc.);
  • acquisto di autocarri, carrelli e rimorchi per il trasporto stradale e attrezzature dedicate all’abbattimento e allestimento di trattori dedicati all’esbosco;
  • acquisto per macchinari e attrezzature che operano esclusivamente presso la sede aziendale (carrelli, muletti, bracci caricatori e altre macchine per la movimentazione legname su piazzale, nastri trasportatori, impianti di intestatura, di depezzatura, di irrorazione, di cippatura, con eccezione di pellettattrici ed essiccatoi;
  • acquisto e installazione di apparecchiature informatiche;
  • interventi di rinnovo e sostituzione di parti funzionali o strutturali di beni esistenti;
  • interventi che usufruiscono di altre sovvenzioni per gli stessi scopi.

SCADENZA: Il termine per la presentazione della domanda è il 02/03/2018 ore 12.00

DOTAZIONE FINANZIARIA: 5 milioni di euro

AZIENDE ALESSANDRINE – CAMERA DI COMMERCIO – bandi spese fieristiche

La Camera di Commercio di Alessandria ha pubblicato un bando per la concessione di contributi per la partecipazione a manifestazioni fieristiche.

BENEFICIARI:

consorzi ed imprese, in regola con il pagamento del diritto annuale camerale, aventi sede o unità locale in provincia di Alessandria.

INTERVENTI AMMESSI:

Spese sostenute per la partecipazione a:

  • fiere all’estero
  • fiere internazionali in Italia (riconosciute con qualifica rilasciata dalla Regione nella quale si svolgono ed inserite nel calendario regionale)
  • fiere di carattere nazionale e regionale in Italia (riconosciute con qualifica rilasciata dalla Regione nella quale si svolgono ed inserite nel calendario fieristico regionale)

SPESE AMMESSE:

  • locazione dell’area espositiva
  • allestimento ed iscrizione a catalogo espositori

Ogni impresa potrà richiedere il contributo previsto per una sola manifestazione fieristica svoltasi nel corso del 2017.

CONTRIBUTO: contributo a fondo perduto del 50% del costo rendicontato. Prevista ritenuta di acconto del 4% sui contributi concessi.

LIMITI DI SPESA:

  • spesa minima: 500 euro.
  • spesa massima:  1.800 euro per fiere estere, 1.000 per fiere internazionali in Italia e 500 euro per fiere di carattere regionale in Italia.

DOTAZIONE COMPLESSIVA: 200.000 euro.

SCADENZA:

  • entro il 10/07/2017 perle manifestazioni del primo semestre dell’anno (dal 01/01 al 30/06/2017)
  • entro il 10/01/2018 per le manifestazioni del secondo semestre dell’anno (dal 01/07 al 31/12/2017)

Le domande vengono esaminate in ordine cronologico di presentazione fino ad esaurimento dello stanziamento complessivo.

Bando PSR per PROGETTI PILOTA MISURA 16.2.1

La Regione Piemonte ha pubblicato un bando per il sostegno a progetti pilota ed allo sviluppo di nuovi prodotti, pratiche, processi e tecnologie nell’ambito dell’operazione 16.2.1. del PSR 2014-2020.

BENEFICIARI:

gruppi di cooperazione costituiti da almeno due soggetti rappresentati dalle seguenti categorie:

  • proprietari di terreni agricoli e forestali
  • operatori del comparto forestale e della filiera del legno
  • enti locali
  • organismi di ricerca
  • poli e reti di imprese

Si sottolinea che nell’attribuzione dei punteggi per la formazione della graduatoria totalizzano in punteggio più alto le domande che:

  • nel gruppo di cooperazione comprendono soggetti certificati per la gestione forestale sostenibile e imprese iscritte all’albo regionale delle imprese forestali
  • presentano un collegamento con altre misura/sottomisure di interessa forestale del PSR

INTERVENTI AMMISSIBILI:

  • Studi sulla zona interessata, studi di fattibilità, stesura di piani aziendali
  • Animazione della zona interessata dal progetto
  • Costi di esercizio della cooperazione
  • Costi diretti di specifici progetti di innovazione

CONTRIBUTO:

Contributo in conto capitale nella misura massima dell’80% della spesa ammissibile

LIMITI DI SPESA:

  • massimo importo di spesa ammissibile: 50.000 euro
  • minimo importo di spesa ammissibile: 250.000 euro

DOTAZIONE COMPLESSIVA: 1.500.000 euro

SCADENZA: 17 marzo 2017

ASSOCIAZIONISMO FONDIARIO – Nuova legge regionale

Il Consiglio regionale del Piemonte ha approvato le”Disposizioni per favorire la costituzione delle associazioni fondiarie e la valorizzazione dei terreni agricoli e forestali” approvate  il 26 ottobre in sede legislativa dalla III Commissione del Consiglio regionale del Piemonte.

L’obiettivo è quello di combattere lo spopolamento di colline e montagne piemontesi, ricomponendo il puzzle delle proprietà terriere frammentate e dei campi abbandonati, attraverso la costituzione di libere associazioni fondiarie. Senza interferire con il diritto di proprietà, che non viene meno, si intende rilanciare l’attività agro-forestale e pastorale e incentivare turismo e produzioni locali.

FUTURI CONTRIBUTI:

  • Alle associazioni fondiarie sono riconosciuti contributi fino all’ 80% per la copertura delle spese sostenute per la costituzione dell’associazione.
  • Ai proprietari di terreni privati che aderiscano ad una associazione fondiaria viene concesso un contributo una tantum nella misura massima di 500 euro per ogni ettaro conferito di superficie utilizzabile, a condizione che il conferimento abbia una durata non inferiore ai 15 anni.

DOTAZIONE COMPLESSIVA:

Nel bilancio regionale sono stanziati 300.000 euro per gli anni 2016, 2017 e 2018.

Le realtà piemontesi. In Piemonte sono già nate diverse associazioni fondiare fra cui: Carnino, piccola frazione montana del Comune di Briga Alta (Cn) – la prima in Regione, attiva dal 2012 – Ostana (Cn); Lauriano (To) e Montemale (Cn). Altre realtà sparse nel territorio regionale sono in corso di costituzione.

ADOTTATO IL PIANO FORESTALE REGIONALE

Durante la giunta regionale di ieri è stato adottato il Piano forestale regionale 2017-2027. Nei prossimi giorni il settore Foreste provvederà a predisporre l’avviso pubblico sul sito web e sul Bollettino Ufficiale della Regione ed a consultare i soggetti con competenza in materia ambientale sui contenuti del documento. A conclusione della consultazione, sulla base dei pareri del Consiglio e della Giunta regionale si procederà alla definitiva approvazione.

 

OPERATORI FORESTALI – Approvate le linee guida per il riconoscimento di competenze professionali

Sul Bollettino Ufficiale di oggi la Regione Piemonte ha pubblicato le linee guida per il riconoscimento di competenze professionali degli operatori forestali nella disciplina dell’abbattimento ed allestimento contenenti:

  • Modello A – Adesione;
  • Modello B – Dossier candidato;
  • Modello C – Scheda valutazione delle evidenze;
  • Modello D – Prova scritta (test);
  • Modello E – Valutazione prova pratica;
  • Modello F – Verbale di validazione delle competenze.

 

RICONOSCIMENTO COMPETENZE PROFESSIONALI IN AMBITO FORESTALE – Regione Piemonte

La Regione Piemonte ha dato il via al SISTEMA DI RICONOSCIMENTO DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN AMBITO FORESTALE.
Per poter accedere gli interessati dovranno inviare un modello di adesione compilato entro l’8 luglio 2016.
SEGRETERIA ORGANIZZATIVA: I.P.L.A. – Servizio Formazione
Corso Casale 476, 10132 Torino; Tel 011/432 04 38; Fax 011/432 04 96 e-mail: brenta@ipla.org