Archivi categoria: Bandi

Nuovo bando 2021 psr op. 6.4.1 sviluppo attivita’ extra agricole

La Regione Piemonte ha pubblicato il nuovo bando PSR Op. 6.4.1 – creazione e sviluppo di attività extra agricole.

BENEFICIARI:

Agricoltori o coadiuvanti familiari dell’agricoltore che diversificano la loro attività avviando attività extra-agricole.

CONTRIBUTO:

  • Contributo in conto capitale del 40% aumentabile del 10% in zona svantaggiata (montagna) o per giovani agricoltori;
  • Contributo massimo 200.000 € nei limiti del reg. UE 1407/2013 – aiuti “de minimis”;
  • Spesa massima: 150.000 €;
  • Spesa minima: 25.000 € (15.000 € per aree montane).

Gli interventi non possono beneficiare di altre agevolazioni pena la revoca del sostegno.

INVESTIMENTI AMMESSI:

AGRITURISMO:
Investimenti edilizi: ristrutturazione/restauro/risanamento conservativo di edifici dell’azienda agricola per massimo 100 mq, compreso un ampliamento max del 10% in superficie per servizi igienici, accessi privi di barriere architettoniche, centrali termiche, scale e simili.
Impianti elettrici/idrici/termici e simili per max 40% della spesa totale richiesta in domanda per gli interventi edilizi.
Attrezzature fisse per la preparazione di pasti per max 30% dellaspesa totale richiesta in domanda per gli interventi edilizi.
FATTORIE DIDATTICHE:
Investimenti edilizi: ristrutturazione/restauro/risanamento conservativo di edifici dell’azienda agricola per massimo 100 mq, compreso un ampliamento max del 10% in superficie per servizi igienici, accessi privi di barriere architettoniche, centrali termiche, scale e simili.
Attrezzature specifiche per lo svolgimento dell’attività didattica (attrezzature dimostrative e/o di laboratorio, attrezzature informatiche e relativo software).
TRASFORMAZIONE DI PRODOTTI AGRICOLI IN PRODOTTI FINALI NON ALLEGATO I del TFUE (il prodotto trasformato deve essere primario da Allegato I TFUE e prodotto per almeno il 66% dalla azienda agricola richiedente, il prodotto finale può essere un qualsiasi prodotto alimentare. L’intera fase della produzione deve essere svolta all’interno dell’azienda).
Investimenti edilizi: ristrutturazione/restauro/risanamento conservativo di edifici dell’azienda agricola compreso un ampliamento max del 10% in superficie per servizi igienici, accessi privi di barriere architettoniche, centrali termiche, scale e simili.
Impianti elettrici/idrici/termici e simili per max 40% della spesa totale richiesta in domanda per gli interventi edilizi.
Attrezzature specifiche per lo svolgimento dell’attività di trasformazione (fermentatori, pastorizzatori, maltatori, centrifughe, estrusori, miscelatori).
ATTIVITA’ DI DIVERSIFICAZIONE DI AMBITO SOCIALE
a- inserimento socio lavorativo di lavoratori con disabilità e di lavoratori svantaggiati, nonché di minori in età lavorativa,
b- prestazioni ed attività sociali e di servizio a supporto delle comunità locali, attraverso l’uso di risorse riconducibili all’impresa agricola (es. servizi per infanzia, agriasilo),
c- servizi che affiancano e supportano terapie mediche e riabilitative attraverso l’ausilio di animali allevati e la coltivazione delle piante (es. pet therapy).

Investimenti edilizi: ristrutturazione/restauro/risanamento conservativo di edifici dell’azienda agricola per massimo 100 mq, compreso un ampliamento max del 10% in superficie per servizi igienici, accessi privi di barriere architettoniche, centrali termiche, scale e simili.
Attrezzature specifiche per lo svolgimento delle attività di diversificazione di ambito sociale.
In tutti i casi ammessi investimenti immateriali: spese generali e tecniche (progettazione, consulenze, studi di fattibilità, acquisto brevetti e licenze) per un massimo del 12% del totale delle spese.

SCADENZA:

  • il termine per la presentazione della domanda è il 31/03/2022 ore 23.59,
  • 12 mesi + 3 di proroga per il completamento degli interventi dopo aver ottenuto l’ammissione (15 mesi + di proroga in zone montane).

DOTAZIONE COMPLESSIVA: 4.942.403 €

32 domande da 150.000 € che è la spesa massima ammissibile.

BANDO ISI INAIL 2021 per rimozione amianto

L’INAIL ha pubblicato il nuovo bando ISI INAIL 2021 che all’asse 3 prevede uno stanziamento di di 74.000.000 € per le imprese agricole  che investono in progetti di bonifica da materiali contenenti amianto.

BENEFICIARI:

Imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale e iscritte alla camera di commercio Industria Artigianato e Agricoltura.

NON RIENTRANO TRA I BENEFICIARI le imprese che hanno ottenuto il provvedimento di concessione del finanziamento per l’avviso ISI agricoltura 2017e ISI 2018 o per l’Avviso Isi Agricoltura 2019/2020

INTERVENTI AMMESSI: 

Interventi presso il luogo di lavoro nel quale l’impresa richiedente esercita la propria attività.

  • rimozione di coperture in cemento-amianto di un intero immobile (bonifica della copertura, rifacimento della stessa ed elementi accessori quali lattonerie e canali di gronda, la nuova copertura può comprendere impianti fotovoltaici integrati nei quali i moduli fotovoltaici sostituiscono gli elementi di copertura e sono compresi acquisto e istallazione di ancoraggi).

60 €/mq con limite di: 30 €/mq di copertura in MCA per lavori di bonifica incluso il trasporto e lo smaltimento dei rifiuti contenenti amianto prodotti, 30/€/mq della nuova copertura per l’acquisto e posa in opera della copertura sostitutiva e degli elementi edili ad essa accessori.

  • rimozione di componenti edilizie, quali coibentazioni, intonaci, cartoni, controsoffitti e sotto coperture, contenenti amianto in matrice friabile
  • rimozione di MCA da mezzi di trasporto
  • rimozione di MCA da impianti e attrezzature (cordami, coibentazioni, isolamenti di condotte di vapore, condotte di fumi ecc.)
  • rimozione di piastrelle e pavimentazioni in vinile amianto compresi eventuali stucchi e mastici contenenti amianto
  • rimozione di manufatti, non compresi nelle precedenti tipologie di intervento, contenenti amianto in amatrice compatta (cassoni, canne fumarie, comignoli, pareti verticali, controsoffitti e sotto coperture, condutture, ecc)

20€/mq di manufatto da rimuovere

  • spese tecniche al massimo al 10% rispetto alle spese di progetto, con un importo massimo complessivo di 10.000 €
  • spese per perizia asseverata (massimo 1.850 €)

SPESE NON AMMESSE:

  • rifacimento/consolidamento delle strutture di sostegno della copertura
  • rifacimento di elementi strutturali del tetto, delle orditure, dei solai, delle travature
  • costi dei pannelli solari o moduli fotovoltaici non integrati nella copertura, ma sovrapposti ad essa
  • interventi di rimozione non comprendenti lo smaltimento (quelli di incapsulamento o confinamento e mero smaltimento di MCA già rimossi)
  • interventi su strutture delle quali l’impresa richiedente detiene la proprietà ma che ha dato in locazione ad altra azienda, anche nel caso in tale strutture opera occasionalmente o stabilmente personale dell’impresa richiedente
  • interventi realizzati prima della presentazione della domanda di contributo tramite il portale INAIL

CONTRIBUTO:

  • finanziamenti sono a fondo perduto assegnati fino a esaurimento, secondo l’ordine cronologico di arrivo delle domande
  • 65% dell’importo delle spese ammissibili
  • contributo calcolato sulle spese al netto dell’iva
  • contributo massimo di 130.000 euro

SCADENZA: Data ed orari di apertura e chiusura dello sportello di invio delle domande saranno pubblicati sul sito Inail a partire dal 26 febbraio 2022

Agroindustria – Pubblicato il nuovo Bando PSR Op. 4.2.1 Trasformazione e commercializzazione prodotti agricoli

L a Regione Piemonte ha pubblicato il nuovo bando PSR Operazione 4.2.1

BANDO A 2021 – acquisto di immobili, realizzazione di opere edili, acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature 

BENEFICIARI:

  • imprese agroindustriali, iscritte al registro imprese della Camera di commercio, attive nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti di cui all’allegato I del TFUE, esclusi i prodotti della pesca,
  • almeno il 66% della materia prima trasformata deve essere di provenienza extra-aziendale,

LIMITI DI SPESA: spesa massima ammissibile 2 milioni di euro, spesa minima ammissibile 300.000 euro

RISORSE DISPONIBILI:

21.000.000 € ripartiti in due quote: una di € 18.600.000 per le graduatorie settoriali e una pari a 2.400.000 € per completare il finanziamento delle domande idonee di ciascun settore produttivo almeno per il 50% del contributo concedibile.

CONTRIBUTO:

contributo in conto capitale, 40% del costo dell’investimento ammissibile aumentabile di:

  • 10% della spesa ammissibile in caso di investimenti da parte di PMI concernenti la trasformazione di prodotti agricoli in prodotti non agricoli (non in allegato I del TFUE)

Verranno approvate graduatorie separate per settori o per gruppi omogenei di settori produttivi.

REGOLE DI CUMULO:

Non è ammessa la possibilità di cumulare gli aiuti previsti nel bando con altri aiuti pubblici per gli stessi interventi.

In ogni caso l’eventuale sostegno accumulato deve rimanere entro i limiti fissati dall’allegato II DEL regolamento UE n. 1305/2013.

Per gli investimenti per l’approvvigionamento e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili non è ammesso nessun altro aiuto iva compresi gli incentivi per il conto energia.

INTERVENTI AMMESSI:

  • investimenti per l’introduzione di nuovi prodotti, processi, tecnologie innovative, per rispondere a nuove opportunità di mercato, alla sicurezza alimentare, alla tracciabilità, alla tutela ambientale , per l’aumento della sicurezza del lavoro;
  • investimenti per il risparmio idrico e trattamento acque reflue;
  • investimenti per rendere più efficiente l’uso dell’energia (risparmio energetico);
  • investimenti per l’approvvigionamento e l’utilizzo di fonti di energia rinnovabili, sottoprodotti, materiali di scarto e residui e altre materie grezze non alimentari a fini di autoconsumo (esclusa produzione di biocombustibili derivati da produzione agricola dedicata e produzione di energia da fonti rinnovabili realizzati da PMI che trasformano prodotti agricoli in prodotti non agricoli);
  • costruzione e ristrutturazione di immobili destinati alla trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione di prodotti agricoli e agroindustriali;
  • acquisto di impianti, macchinari ed attrezzature nuovi per trasformazione, immagazzinamento e commercializzazione di prodotti agricoli e agroindustriali, comprese le attrezzature informatiche;
  • acquisto di immobili, a condizione che si dimostri la convenienza economica rispetto alla costruzione ex-novo, che l’immobile sia destinato ad una sostanziale trasformazione e che non abbia già fruito di precedenti finanziamenti (massimo 15% delle spese ammissibili);
  • sviluppo ed acquisto di programmi informatici e acquisto di brevetti e licenze fino ad un massimo del 20% della spesa ammissibile (comprese le spese generali di cui al successivo punto);
  • spese generali (onorari di progettisti e consulenti, brevetti e licenze, programmi informatici, spese per concessione di garanzie) fino ad un massimo del 12% del valore degli investimenti materiali ammessi.

SCADENZA: 15 febbraio 2022. Verranno approvate graduatorie separate per settori o per gruppi omogenei di settori produttivi

TERMINE PER CONCLUDERE GLI INVESTIMENTI: 12 mesi a decorrere dalla data del provvedimento di approvazione della domanda di sostegno.

Reti Antigrandine – Prorogato il bando PSR 2014-2020 op. 5.1.2 anno 2020

La Regione Piemonte ha prorogato la scadenza per la presentazione delle domande di contributo per finanziare la realizzazione di impianti antigrandine nell’ambito della op. 512 del PSR.

BENEFICIARI:

  • agricoltori, singoli o associati, in attività (REG. UE n. 1397/2013)
  • persone fisiche e persone giuridiche

LOCALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI: tutta la Regione Piemonte

INTERVENTI AMMESSI:

  • investimenti di prevenzione dei danni da avversità atmosferiche, calamità naturali ed eventi catastrofici di tipo abiotico
  • impianto di protezione con reti antigrandine (realizzato per la difesa attiva di uno specifico prodotto agricolo)

SPESE AMMISSIBILI:

  • acquisti materiali e attrezzature, anche in leasing fino a copertura del valore di mercato del bene
  • spese per l’installazione delle reti antigrandine
  • spese generali e tecniche, spese di progettazione, di predisposizione delle domande di sostegno, consulenze, studi di fattibilità nella misura massima del 12% delle spese ammissibili

CONTRIBUTO:

50% del costo dell’investimento ammissibile per ciascun impianto di protezione

SCADENZA: 15/03/2022

Pubblicato il Bando 2021 PSR op. 4.1.3 Regione Piemonte

La Regione Piemonte ha pubblicato il nuovo bando PSR mis. 4.1.3 – riduzione emissioni di gas serra e ammoniaca.

DOTAZIONE FINANZIARIA COMPLESSIVA: 9,2 milioni di euro

BENEFICIARI:

Possono accedere al bando gli imprenditori agricoli, i giovani che si insediano per la prima volta e i soggetti collettivi, purché in regola con le norme regionali in applicazione della Direttiva Nitrati e le prescrizioni in materia di AIA e di emissioni in atmosfera. 

In graduatoria sarà assegnata una priorità a chi realizza coperture sulle vasche oppure più interventi diversi, alle aziende localizzate in pianura o collina, agli investimenti collettivi, ai giovani che si insediano, agli aderenti all’Operazione 10.1.5 del PSR, a chi ha una certificazione ambientale e agli allevamenti di maggiori dimensioni.

CONTRIBUTO:

Il contributo sarà pari al 40% del costo dell’investimento ammissibile elevabile al 50% per i soggetti collettivi e le aziende di montagna e al 60% per i giovani agricoltori.

Rispetto al bando 2020, il massimale di spesa è più alto: 60.000 € (100.000€ se investimenti collettivi) quando l’investimento riguarda un solo intervento, 90.000€ per la copertura delle vasche con strutture fisse e per gli investimenti che comprendono più interventi (150.000 se investimenti collettivi).

SPESE AMMESSE:

Il bando sostiene la realizzazione di interventi per:

  • la realizzazione di coperture, anche antipioggia, sopra le strutture di stoccaggio,
  • l’acquisto di macchine ed attrezzature per la distribuzione con tecniche a bassa emissività (interratori, rasoterra, sottocotico),
  • la realizzazione di vasche di stoccaggio aggiuntive rispetto alle capacità minime prescritte dalla normativa vigente,
  • la copertura dei paddock,
  • l’acquisto di separatori solido/liquido,
  • l’acquisto di attrezzature per movimentazione e gestione, compresi gli spandiletame,
  • la riduzione del consumo d’acqua nelle stalle,
  • per i soli giovani agricoltori insediati da non più di 24 mesi, gli interventi necessari al rispetto di norme obbligatorie.

PRECISAZIONI:

Con l’invio della domanda di contributo è richiesto di indicare se l’azienda è titolare di autorizzazione alle emissioni in atmosfera AIA/AUA/AVG oppure se l’azienda è esonerata.

Non possono presentare domanda coloro che hanno in corso una domanda di saldo o di rinuncia relativa alla stessa misura (mis. 4.1.3) del precedente bando.

SCADENZA: 15 febbraio 2022

Attesa a breve l’apertura del bando PSR op. 6.4.1 per agriturismi e fattorie didattiche

E’ attesa a breve l’apertura del bando PSR op. 641 che finanzia con un contributo del 40% a fondo perduto investimenti per la diversificazione dell’attività agricola: agriturismo, fattoria didattica, ecc.

In attesa della pubblicazione del nuovo bando 2021, qui è possibile visionare la scheda di sintesi del vecchio bando del 2017:

Aperto il bando PSR op. 411 per investimenti nelle aziende agricole

La Regione Piemonte ha pubblicato il nuovo bando PSR 2021 operazione 411 che finanzia a fondo perduto investimenti di miglioramento delle aziende agricole (nuove costruzioni e ristrutturazioni di fabbricati aziendali, acquisto macchinari e attrezzature).

28.000.000 € sono le risorse complessive a disposizione per le aziende piemontesi.

Si tratta di un contributo a fondo perduto:

·         investimenti effettuati da aziende agricole –> 40% di contributo fino a contributo massimo di 130.000 €.

·         Investimenti collettivi (Cooperative, Società di persone o capitali) –> 40% di contributo fino a 520.000 € di contributo (massimo 4 aziende associate).

La scadenza per la presentazione della domanda è stata posticipata al 15 febbraio 2022

Qui sono disponibili:

  • una scheda di riassunto del bando e dei criteri di selezione
  • l’elenco dettagliato degli investimenti ammissibili

Nuovo Bando PSR Regione Piemonte Pacchetto Giovani 2021 op. 4.12 e 6.1

Nuova opportunità per i giovani piemontesi, con età al di sotto dei 41 anni compiuti, che si insediano in una azienda agricola per la prima volta o si sono insediati nei 24 mesi antecedenti la presentazione della domanda di contributo: la Regione Piemonte ha pubblicato il nuovo bando PSR che riguarda congiuntamente le Operazioni

  • 4.1.2 – Sostegno a investimenti nelle aziende agricole condotte da giovani
  • 6.1.1 – Insediamento giovani

La scadenza per la presentazione della domanda è stata posticipata al 31 gennaio 2022.

Un riassunto del bando e dei criteri utilizzati per la formulazione della graduatoria è disponibile qui:

Reti antigrandine – Pubblicato nuovo bando op. 5.1.2 anno 2021

La Regione Piemonte ha pubblicato il nuovo bando 2021 che finanzia la realizzazione di impianti di protezione con reti antigrandine nell’ambito dell’Operazione 5.1.2 del PSR 2014-2020.

BENEFICIARI:

  • agricoltori, singoli o associati, in attività (REG. UE n. 1397/2013)
  • persone fisiche e persone giuridiche

LOCALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI: tutta la Regione Piemonte

INTERVENTI AMMESSI:

  • impianto di protezione con reti antigrandine (realizzato per la difesa attiva di uno specifico prodotto agricolo)
 Settore corilicoloAltri settori ortofrutticoli
Soggetti NON aderenti ad OP/AOPTutte le tipologie di interventoTutte le tipologie di intervento con esclusione degli impianti arborei
Soggetti aderenti ad OP/AOPInvestimenti superiori ai 5.000 euro indipendentemente dalla tipologiaInvestimenti pluriennali specifici per il settore frutta e ortaggi (impiantistica: irrigazione, serre, reti antigrandine, altri) superiori a 5.000 euro (con riferimento alla singola azienda) con esclusione degli impianti arborei

SPESE AMMISSIBILI:

  • acquisti materiali e attrezzature, anche in leasing fino a copertura del valore di mercato del bene
  • spese per l’installazione delle reti antigrandine
  • spese generali e tecniche, spese di progettazione, di predisposizione delle domande di sostegno, consulenze, studi di fattibilità nella misura massima del 12% delle spese ammissibili

ELEMENTI PREMIALI PER LA GRUADUATORIA:

giovani agricoltori singoli o associati che si insediamo per la prima volta usufruendo della mis 6.1

grado del rischio ed entità del potenziale agricolo a rischio in base all’incidenza del costo dell’assicurazione e al valore assicurabile calcolato su parametri contributivi per comune e coltura stabiliti dal PGRA (Piano di gestione rischi in agricoltura) approvato dal MIPAFF

protezione nuovi impianti o giovani impianti fino a 3 anni

in caso di parità di punteggio prevista priorità agli impianti che hanno le superfici minori

CONTRIBUTO:

50% del costo dell’investimento ammissibile per ciascun impianto di protezione

DOTAZIONE COMPLESSIVA: 3.000.000 di €

SCADENZA : 2 novembre 2021